In questo locale la fragranza della pizza sa di antico...!

Fu Francesco Pepe, nato nel 1906, più noto come "Ciccio Pepe", a dare il via nel 1931, al mestiere di fornaio panetterie e presto s'affermò con le pagnotte a "otto" o a coppie e le saporose "sfresate".
Maestro di gastronomia e fine intenditore del nettare di Bacco, fuse con abile e amorevole passione in due filoni...

Francesco Pepe detto "Ciccio"Nacque, così, nel 1937, la tipica osteria in vico De Simone, luogo amato dall'umile caiatino e dal forestiero che, tra un bicchiere di robusto rosso e di bianco aurato, gustava beato il "soffritto infuocato", la "zuppa di fagioli", il "baccalà e le sarde fritte" che, il licor bianco e rosso, fondevano in sapori unici e portavano a cantare e a non dimenticare.

Stefano PepeDa vico de Simone a via "Fontana Rosa", stessi sapori e inimitabili fragranze, nell'arco di un ventennio dal '40 al '60, trovò posto la "pizza napoletana", fatta con il cuore, dal figlio Stefano che, nel 1962 ereditando abilità e segreti del Ciccio, padre e maestro, trasferì in questo sito, un tempo stalla per equini, i cui segni ancor si notano, la "pizza", ormai regina con tutte le pietanze che resero famoso "Ciccio Pepe" integrate con altre nuove e tipiche della tradizione nostrana che, condussero la fama del figliuol Stefano, assai lontano.

Eredi PepeMolti, d'allor, lontani dall'antico borgo, con il dolce ricordo dell'umbertoso luogo, menzionano con amore, Stefano e la sua "pizza".
Queste le radici e la salda tradizione del sito dove sosti.
E se pur breve è il tuo riposo, da ora, nella foto dei tuoi ricordi, si inserirà, con alone di letizia, Stefano, gli eredi e le loro delizie.

Giovanni Marcuccio
(Presidente Pro Loco - Caiazzo)